Speculazione edlizia

Nel Messinese, chiesti 5 anni per sindaco Cateno De Luca

Nel Messinese, chiesti 5 anni per sindaco Cateno De Luca
Cateno De Luca, ex deputato regionale e attuale sindaco di Santa Teresa Riva, è accusato di abuso d'ufficio e tentata concussione.

Chiesta la condanna a 5 anni per Cateno De Luca, ex deputato regionale e attuale sindaco di Santa Teresa Riva, nel processo per la speculazione edilizia a Fiumedinisi, un Comune della provincia jonica di Messina di cui De Luca in passato e' stato primo cittadino. E' accusato di abuso d'ufficio e tentata concussione. L'inchiesta riguardava un programma di riqualificazione urbanistica a Fiumedinisi ed in particolare la realizzazione di un albergo con centro benessere e villette. Nel procedimento i pubblici ministeri hanno chiesto anche la condanna a 4 anni per Tindaro De Luca, fratello di Cateno, e 2 anni per Pietro D'Anna, funzionario comunale. Sollecitata la condanna anche per altri otto tra ex componenti della Giunta e responsabili del procedimento, in particolare per Gregorio Natale Coppolino chiesto un anno e 7 mesi, per Grazia Rascona' un anno e 4 mesi, per Giuseppe Bertino, Salvatore Piccolo, Antonino Cascio, Carmelo Crocetta e Giuseppe Giardina chiesti un anno e due mesi. I pubblici ministeri hanno inoltre chiesto l'assoluzione, per non aver commesso il fatto, per Benedetto Parisi, presidente della commissione edilizia e la prescrizione per i componenti della medesima commissione.

Categoria: